Incentivi agli investimenti per l'autotrasporto 2018: presentazione domande
1773
single,single-post,postid-1773,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Incentivi agli investimenti per l’autotrasporto 2018: presentazione domande

transpotec logitec 2019 altimani lift

Incentivi agli investimenti per l’autotrasporto 2018: presentazione domande

Incentivi agli investimenti per l’autotrasporto 2018: presentazione domande

Il Ministero dei Trasporti ha dato il via libera alla presentazione delle domande per gli incentivi agli investimenti in favore delle imprese di autotrasporto.Incentivi agli investimenti per l’autotrasporto 2018: presentazione domande

Incentivi agli investimenti per l’autotrasporto 2018: presentazione domande

Un provvedimento volto a favorire, nello specifico, gli investimenti, delle aziende di autotrasporto, per veicoli a basso impatto ambientale e destinati al trasporto intermodale, attuati nel 2018.

finanziamenti autotrasporto 2018 altimani lift

La gestione operativa dei contributi è stata affidata anche quest’anno alla società Ram, controllata dallo stesso ministero.

Il decreto stanzia complessivamente 33,6 milioni di euro alle imprese di autotrasporto per conto terzi, ripartendo la somma nel seguente modo:

  • Veicoli a gas naturale, elettrici o ibridi
    Il Decreto stanzia 9,6 milioni di euro per acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli, nuovi di fabbrica, adibiti al trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 tonnellate a trazione alternativa a gas naturale compresso (CNG), gas naturale liquefallo (LNG), ibrida (diesel-elettrico) e totalmente elettrica, nonché per l’acquisizione di dispositivi per la riconversione degli autoveicoli da diesel a elettrico.
  • Veicoli diesel Euro VI
    Il decreto stanzia 9 milioni di euro per radiazione per rottamazione di veicoli pesanti di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11,5 tonnellate, con contestuale acquisizione di veicoli nuovi di fabbrica conformi alla normativa Euro VI di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11,5 tonnellate.
  • Rimorchi e semirimorchi intermodali
    Il decreto stanzia 14 milioni di euro per acquisizione anche mediante locazione finanziaria, di rimorchi e semirimorchi, nuovi di fabbrica, per il trasporto combinato ferroviario rispondenti alla normativa UIC 596-5 e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave rispondenti alla normativa IMO, dotati di dispositivi innovativi per ottenere maggiori standard di sicurezza e di efficienza energetica, nonché per l’acquisizione di rimorchi e semirimorchi o equipaggiamenti per autoveicoli specifici superiori a 7 tonnellate allestiti per trasporti in regime ATP, rispondenti a criteri avanzati di risparmio energetico e rispetto ambientale.
  • Casse mobili
    Il decreto stanzia 1 milione di euro per l’acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di casse mobili e rimorchi o semirimorchi porta casse.

Incentivi agli investimenti per l’autotrasporto 2018: presentazione domande

La domanda potrà essere presentata, attraverso il PORTALE DELL’AUTOMOBILISTA,  entro il 15 aprile 2019.

Gli investimenti finanziabili sono solo quelli avviati e perfezionati nel periodo compreso tra il 18 luglio 2018 ed il 15 aprile 2019. 

La domanda può essere presentata solo in via telematica e richiede una registrazione preliminare sul sito del Portale dell’Automobilista; il Ministero dei Trasporti, attraverso questa INFORMATIVA, fornìsce tutte le indicazioni tecniche ai fini della registrazione e della presentazione corretta della domanda.

Nello specifico, i passaggi da compiere sono:

  • compilare i dati nella sezione 1 (Partita Iva/Codice Fiscale, codici di iscrizione all’Albo degli autotrasportatori e al REN) per la verifica dei requisiti necessari all’identificazione univoca del richiedente e alla presentazione della domanda;
  • attendere il controllo di coerenza tra i dati inseriti dall’utente nella sezione 1 e quelli presenti nei sistemi dell’Amministrazione. Qualora il sistema riscontri degli errori restituirà un messaggio di segnalerà all’utente di correggere l’irregolarità, pena l’impossibilità di richiedere gli incentivi;
  • inserire il codice provvisorio rilasciato dagli Uffici delle Motorizzazioni Civili per le imprese che hanno chiesto l’iscrizione al REN e sono in attesa del completamento della procedura. In questo caso la domanda viene acquisita con riserva e dovrà essere perfezionata al momento dell’istruttoria e, in ogni caso, non oltre la fase di determinazione del contributo effettivo;
  • inviare una PEC del richiedente del “Codice Impresa” al termine della fase preliminare;

Una volta terminata la compilazione, con tutte le informazioni, il sistema genererà in formato pdf l’istanza compilata, completa di dichiarazione sostitutiva e degli impegni previsti. Il file dovrà successivamente essere firmato digitalmente dal Legale Rappresentante dell’impresa oppure dal suo Procuratore.

Un’ottima occasione, per investire nello sviluppo sostenibile della propria Azienda, attraverso il supporto delle Istituzioni.

Investire, resta, un’attività necessaria alla crescita di un business, soprattutto in un settore, delicato ed in forte flessione, come quello dell’autotrasporto.

Un settore con problematiche dalle dinamiche complesse e con molte sfaccettature, ma che siamo convinti verranno gradualmente affrontate e risolte, grazie, soprattutto, a chi vi opera in prima persona.

Un primo passo, questo quindi, verso l’innovazione, il rinnovamento e la crescita.

Leggi altro dal BLOG ALTIMANI LIFT

Credit info: mit.gov.it, trasportoeuropa.it